Rischi e opportunità delle obbligazioni in valuta estera

obbligazioni in valuta esteraHo già avuto modo di scrivere sul tema ricordando come queste obbligazioni, che spesso offrono maggiori tassi di interesse, sono ovviamente soggette al rischio cambio. Rischio cambio che, visto la maggiore volatilità sui mercati valutari rispetto a quelli obbligazionari, può comportare una perdita superiore alla cedola stessa.


Obbligazioni in dollari USA

bond dollaro usaNel mio articolo precedente avevo indicato come potessero essere una valida alternativa le obbligazioni in dollari americani, specie emesse da Stati o Enti sovranazionali (BEI) soggetti a tassazione del 12,5% oltre che generalmente più sicuri. Ne sono un esempio i titoli polacchi (Isin US731011AT95, cedola 3% scadenza 2023) e BEI che oltre alle cedole consentono di ottenere anche i vantaggi della rivalutazione del dollaro.

Altro titolo molto gettonato è il Republic of Italy 6,875%
27/09/2023 (Isin US465410AH18), in pratica un Btp ad alta cedola denominato in dollari. Recentemente poi Mediobanca ha collocato un bond in dollari a 5 anni con cedola pari al 3% (Isin IT0005056483).

E’ vero che al momento il dollaro ha già guadagnato molto sull’euro, ma il trend sembra essere destinato a continuare visto la migliore situazione dell’economia americana (le previsioni sono per un cambio euro-dollaro a quota 1,20 nei prossimi 6-12 mesi, ma come al solito ricordo che le previsioni sono appunto tali. Inoltre per il dollaro le previsioni sono anche più difficili essendo condizionato non solo dalle regole dell’economia ma anche da quelle della politica internazionale).

Bisogna però ricordare che proprio per la ripresa in atto negli Usa, i tassi americani cresceranno a breve. Occorre quindi fare attenzione alle scadenze più lunghe (incluse quelle 2023 indicate in precedenza) che potrebbero risentire di una riduzione dei prezzi.

Altre valute

rendimento lira turcaSe una diversificazione in dollari può essere ritenuta normale all'interno di un portafoglio finanziario, diverso invece il discorso per le obbligazioni denominate in altre valute con alti tassi: dollaro australiano e neozelandese e soprattutto rand sudafricano, lira turca, real brasiliano.

Le cedole di questi titoli sono molto alte, compensate da rischi valutari maggiori (il grafico illustra per esempio come la volatilità della lira turca sia stata più che doppia rispetto al dollaro americano).
Una scommessa puramente speculativa è invece  quella del rublo russo che, a causa della crisi ucraina, ha perso quasi il 10% del suo valore. 

Negli ultimi anni vari emittenti, tra cui Banca Imi, hanno collocato frequentemente titoli di questa specie, con alterne fortune per gli investitori. Sono quindi da considerare come un’alternativa di investimento rischiosa e da monitorare costantemente.

E’ sempre preferibile optare per emittenti solidi, per esempio la Bei (una banca sovrannazionale) ha sul mercato diversi titoli in lire turche, evitando in tal modo di aggiungere al rischio cambio un eccessivo rischio emittente.


Obbligazioni in valuta estera con scadenza breve possono fare al caso di chi desidera approfittare dei possibili movimenti valutari nei prossimi mesi, eliminando il rischio tassi. Chi invece non può e non vuole rischiare troppo deve limitare la diversificazione valutaria sotto il 10% del totale.

Si può ovviamente puntare sulle valute anche tramite ETF o fondi di investimento, optando per i monetari se si vuole una semplice esposizione al solo rischio valutario, o gli obbligazionari in dollari o valuta locale se si unisce alla componente cambio anche quella obbligazionaria.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento