Portafoglio per un investitore prudente

Portafoglio-prudenteHai visto le previsioni sui mercati finanziari nel 2011, hai definito il tuo profilo finanziario e il capitale disponibile ed ora non ti resta che costruire il tuo portafoglio ideale tramite un asset allocation coerente con
i tuoi obiettivi finanziari.

Costruisci la tua asset allocation

Partiamo con il definire un asset allocation generica e molto prudente (profilo moderato conservatore):
  1. 30-60% in liquidità e breve termine
  2. 30-60 obbligazioni e Titoli di Stato
  3. 0-20% azioni
  4. 0% valute e materie prime
Come indicato è un portafoglio di base. Lo puoi ritenere troppo prudente, ma conosco molto bene i piccoli risparmiatori italiani per sapere che difficilmente acquistano azioni e in questo momento tendono a tenere tutto sul breve periodo: conti e BOT.

Questa soluzione non è sempre ideale, come vedremo, ma ovviamente dà sicurezza.

asset_allocationPer molte persone giustamente l’investimento finanziario mira solo a far guadagnare qualcosa per difendersi dall’inflazione, ma il primo vero obiettivo è non perdere.

Mi ritrovo in fondo in questa filosofia: un risparmiatore deve ottenere un reddito dal proprio lavoro, gli investimenti non devono essere considerati una fonte di reddito. Poi certo ci sono le eccezioni, persone che coscientemente vogliono ottenere di più con i dovuti rischi.

Fare una scelta di investimento prudente comunque non vuol dire essere passivi o accettare un rendimento misero. Ricorda che l’obiettivo di un risparmiatore prudente è conservare il proprio capitale in termini reali, vale a dire che i tuoi investimenti devono avere un rendimento almeno pari all’inflazione, altrimenti starai perdendo potere di acquisto.

Che tu sia un risparmiatore prudente o meno, parti dalle quattro macro-classi dell’asset allocation indicata e, coerentemente con il tuoi profilo e i tuoi obiettivi, cerca di determinare le soglie percentuali di ognuna.

Nei prossimi articoli svilupperò i consigli sulle singole componenti dell’asset al location indicata (liquidità, obbligazioni, azioni, altro) valutando anche investimenti più adatti a investitori più aggressivi.

Iscriviti alla newsletter di Banca del Risparmio per esser avvisato dei futuri articoli. Puoi farlo inserendo la tua mail nel modulo a fine articolo, riceverai in omaggio l’ebook “Scopri quanto puoi risparmiare in banca”.

Torna all’indice Dove Investire nel 2011.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento