Come risparmiare sul conto corrente nel 2015

L’indagine di Banca d’Italia sui costi dei conti correnti conferma un fatto già noto ai lettori di questo blog: il costo cresce con l’anzianità del rapporto.

I conti aperti da almeno 10 anni infatti costano in media 96,4 euro, quasi 15 euro in più della media. Viceversa i conti aperti da uno o due anni hanno spese rispettivamente pari a 55,9 e 64,3 euro. La differenza è dovuta per l’80% della somma alle spese fisse.

costi conto corrente 2015.jpg

Come risparmiare?

I risultati della ricerca di Banca d’Italia sono stati pubblicati su Plus 24 del Sole 24 Ore, che fornisce anche alcuni consigli per ridurre i costi:
  • prelevare solo dagli ATM della propria banca
  • utilizzare il bancomat e non la carta di credito per i prelievi
  • scegliere l’estratto conto online
  • operare tramite Internet
  • evitare di andare in rosso sul conto
Tutti consigli corretti. Ma in realtà la ricerca mostra due dati:
  1. più si è ciecamente fedeli alla propria banca, senza quindi chiedere di cambiare, più si subiscono passivamente i costi
  2. i conti delle banche tradizionali costano molto di più di quelli online, anche se si opera in entrambi i casi solamente tramite Internet
Tra le differenze più importanti tra i conti online e quelli delle banche fisiche ci sono i costi di custodia sul dossier titoli, il canone del conto e della carta di credito, i prelievi bancomat presso altre banche, le commissioni sui bonifici tramite Internet. Tutte operazioni gratuite nelle banche online, e in genere a pagamento per le altre. Tra l'altro negli ultimi due anni molte banche tradizionali, per aumentare i ricavi ridotti a causa della crisi, hanno introdotto nuovi conti correnti più costosi rispetto ai precedenti.

A inizio anno ho scritto in merito al cambiamento di alcune abitudini dannose. Come conferma questo articolo, mantenere il vecchio conto è spesso un'abitudine dannosa. Valuta quindi la concorrenza sia nella stessa banca sia altrove, soprattutto confrontando i conti correnti online.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



1 commenti:

Anonimo ha detto...

ATTENTI AL PRESTITO TITOLI

caro luca, sarebbe giusto citare e avvisare i lettori del blog, che dietro a offerte di esenzione sul bollo, le banche spesso aprono il prestito titoli a insaputa del cliente. Lo fanno le banche italiane e anche le rinomate olandesi....e avete capito a chi mi riferisco.

Pertanto il cliente pensa di aver fatto un affare, convinto che il bollo lo paga la banca, ma ignora che rischia di ritrovarsi dall' oggi al domani senza più il suo patrimonio.

Occhio quindi al prestito titoli.

E se per caso ve lo hanno aperto, sappiate che la banca è tenuta a corrisponderVi tutti i guadagni maturati sino a quel momento, ovviamente in percentuale.
Un saluto a tutti da Mister X

Posta un commento