Tassi ai minimi dei conti deposito. Convengono ancora?

tassi interessi conto depositoNon è facile in questo periodo decidere dove investire.
I rendimenti dei titoli di stato e delle obbligazioni bancarie sono ai minimi storici.

E anche i conti di deposito, che hanno negli ultimi anni offerto una valida alternativa liquida e sicura, oggi offrono tassi di interesse risicati.


Tassi interesse agosto – settembre 2014

La riduzione dei tassi è in corso da tempo, ma negli ultimi mesi c’è stata una ulteriore accelerazione che ha reso anche questi prodotti poco profittevoli.

Le motivazioni della discesa sono note: la politica monetaria della BCE spinge i tassi verso lo zero. Probabile quindi che il trend continui, anche se come vedremo di spazio per scendere ormai ce ne è poco. In ogni caso non ci si attendono inversioni di tendenza nel breve periodo

Per dare una veloce panoramica delle condizioni attualmente in vigore, riporto un elenco di notizie diffuse negli ultimi mesi.

IWBank ha lanciato un nuovo conto di deposito IWPower Special 9+9. Offre un rendimento certo corrisposto mensilmente dello 0,50% a cui si somma un bonus dell’1,50% che il cliente riceve solo il 30 aprile 2015 e il 31 gennaio 2016.
IWBank ha inoltre prolungato fino al 30 luglio 2014 il rendimento dello 0,75% del deposito a vista e dell’1,50% dello Special 3+3. Mentre il tasso del deposito 6+6 è sceso dal 2,00% all’1,50%.

Calo ulteriore dello 0,25% di WeBank:
  • 1,00% sui vincoli a 3 mesi
  • 1,25% sui vincoli a 6 mesi
  • 1,50% sui vincoli a 12 mesi
  • 1,75% sui vincoli a 18 mesi
Nuovi tassi Extrabanca
  • 6 mesi 1,00%
  • 12 mesi 1,75%
  • 24 mesi 2,25%
  • 36 mesi 2,75%
Conto fico  riduce di un punto percentuale i rendimenti. I depositi a 3 e 6 mesi passano a 1,75%, i depositi sono svincolabili a 1% lordo

ING Direct ha ridotto dal 2,20% all’1,90% il rendimento del conto di deposito Conto Arancio valido per i nuovi clienti che vincolano le somme per 12 mesi. Successivamente altro taglio con i tassi che passano a 1,70% lordo con opzione arancio +, il tasso base rimane 1%

CheBanca! dal 1° luglio 2014 ha aggiornato al ribasso i tassi del suo conto di deposito vincolato.  A 3 mesi il rendimento cala dall’1,20% allo 0,90%; a 6 si passa dall’1,70% all’1,50%, a 12 dal 2% all’1,80%. Anche il tasso base si riduce dall’1% allo 0,75%.

Dal 4 luglio 2014, il conto di deposito Conto Forte prevede rendimenti più bassi. A 3 mesi scende dall’1,65% all’1,40%, a 6 mesi dall’1,75% all’1,60%, a 12 mesi dal 2,25% all’1,95%, a 18 mesi dal 2,45% al 2,05% e a 24 mesi dal 2,70% al 2,20%.

IBL diminuisce, a partire dal 1° luglio 2014, i rendimenti del conto di deposito ContoSuIBL. A 3 mesi passa dall’1,85% all’1,65%, a 6 mesi dal 2,00% all’1,75%, a 12 mesi dal 2,15% al 2,00% , a 18 mesi dal 2,30% al 2,10% e a 24 mesi dal 2,45% al 2,25%. Il rendimento libero passa dall’1,75% all’1,50% con validità fino al 31 agosto 2014.

Nuovi tassi: contomax One 1,40%  e Rendimax Like 1,30%. I depositi vincolati sono remunerati dal 1% (30 giorni) all’1,80% (730 giorni).

Banca Marche ha ridotto tutti i rendimenti di Deposito Sicuro Libero e Deposito Sicuro Vincolato Linea Rendimento dello 0,20%. Deposito Sicuro Libero passa dal 2,80% peri primi 4 mesi al 2,60%, sempre per i primi 4 mesi, mentre alla scadenza del periodo promozionale resta applicato il tasso a regime invariato dell’1%. Deposito Sicuro Vincolato Linea Rendimento riduce i tassi nel modo seguente a 3 mesi si va dal 2,60% al 2,40%; a 6 dal 2,80% al 2,60%; a 9 dal 2,90% al 2,70%; a 12 mesi dal 3% al 2,80%; a 18 mesi dal 3,05% al 2,85%; a 24 mesi il tasso passa dal 3,10% al 2,90%.

Il conto di deposito online Websella.it dal 1° luglio 2014 prevede tassi inferiori. A 3 mesi passa dall’1,60% all’1,50%, a 6 mesi dall’1,90% all’1,75%, a 12 mesi dal 2,30% al 2,00% e a 18 mesi dal 2,50% al 2,25%.

Banca Carige, a partire dal 1° luglio 2014, ha ridotto i rendimenti applicati al suo conto di deposito Contoconto.it. A 5 mesi la remunerazione scende dall’1,25% allo 0,75%, a 10 mesi passa dall’1,50% all’1%, per vincoli a 15 mesi il rendimento passa dall’1,75% all’1,25%, e a 20 mesi il tasso scende dal 2% all’1,50%.

Unipol Banca ha rivisto al ribasso i rendimenti del Time Deposit a 3 mesi passa dall’1,35% all’1,25%, a 6 mesi dall’1,75% all’1,50% e a 12 mesi dall’1,90% all’1,80% . 

I nuovi tassi di deposito In Mediolanum: vincolato a 12 mesi: 2,15% vincolato a 6 mesi: 1,80% vincolato a 3 mesi: 1,70%

Dal 1° luglio 2014 MPS ha modificato i rendimenti del Conto Italiano di Deposito. Tassi dall’1,50% (3 mesi) a 3% (48 mesi) per la linea Benvenuto, dedicata ai nuovi clienti.  Nella linea Crescita, per chi apporta nuova liquidità, il rendimento passa a 3 mesi all’1,30%,  a 60 mesi dal 2,60% al 2,20%.

BancoPosta ha prolungato dal 30 giugno al 30 settembre 2014 la promozione che permette di ottenere l’1,75% sulle giacenze tra 5.000 e 50.000 euro del conto BancoPosta Click e BancoPosta Più.

Banco Popolare dal 1° luglio 2014 ha ridotto i rendimenti del conto di deposito vincolato Youbanking Deposito. Per i vincoli a 6 mesi il tasso scende dall’1% allo 0,70%, sui 12 si passa dall’1,25% allo 0,90%, sui 18 si va dall’1,50% all’1,10%.

Convengono ancora i conti deposito?

conviene deposito bancaHo elencato le notizie riguardanti le principali banche che offrono questo prodotto. Sottolineo come i tassi possano essere ulteriormente calati, per cui verifica sui rispettivi siti.

Come si vede ormai i rendimenti dei conti deposito sono risicati. Alcune banche offrono qualcosa in più, ma sono proprio quelle con maggiori problemi.

Rendono ancora quindi i conti deposito? Considerando la ritenuta fiscale al 26% sugli interessi e il bollo dello 0,20% sul capitale investito, alla fine rimane ben poco.

Vero però che l’inflazione è bassa e di alternative sembrano non essercene per chi cerca un investimento prudente,  per cui sono preferibili ancora i conti deposito a zero spese piuttosto che il conto corrente a zero interesse.

In un recente articolo, prendendo spunto dal nuovo prodotto di Che Banca, ho citato come possibile alternativa di investimentoho le polizza vita, a patto però che abbiano effettivamente costi ridotti (fatto difficile da trovare fino ad ora).  Tornerò sul tema nei prossimi articoli, nel frattempo rileggiti l’articolo precedente sulle alternative al conto deposito.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



1 commenti:

hammer ha detto...

Da non dimenticare l'offerta del libretto di risparmio smart di poste italiane: riesce a dare l'1,75% e i soldi non vengono vincolati tutti (buona parte si, altrimenti non si riesce a spuntare l'interesse "alto").

Posta un commento