I rischi dei CFD Forex e delle opzioni binarie

opzioni binarie forex
Recentemente Consob è intervenuta con una segnalazione sui rischi per gli investitori che operano in strumenti finanziari come CFD e Opzioni Binarie.

I CFD (Contract for Difference) sono contratti con i quali ci si impegna a pagare all'altra la differenza tra il valore attuale di un determinato bene (azioni, valute, merci, indici finanziari, ecc.) e il valore che lo stesso bene avrà in futuro.

I CFD sono diffusi soprattutto in ambito Forex, le valute (euro, dollaro, sterline etc.) infatti sono il sottostante tipico di questi prodotti. Il rischio in questo non sta tanto nelle caratteristiche del prodotto (di fatto, per come è costruito, non differisce da un normale investimento azionario o in valute) ma per il fatto di sfruttare la leva finanziaria.
Come ben spiegato da Consob "gli investitori possono assumere una posizione sul bene sottostante, versando soltanto una minima parte (detto "margine iniziale" o "deposito iniziale") del valore complessivo della posizione assunta. In quanto prodotti a leva, agli investitori può essere richiesto il versamento di ulteriori somme ad integrazione di quelle depositate inizialmente per effetto dell'andamento del bene sottostante (c.d. "margini aggiuntivi") e, inoltre, il risultato dell'operazione (perdita o guadagno) può essere ben superiore all'importo versato come margine iniziale (c.d. "effetto leva").

Le opzioni binarie sono invece contratti che assicurano il pagamento di un importo predeterminato se un evento finanziario (es. la quotazione di un titolo raggiunge un determinato valore) si verifica entro una predeterminata scadenza temporale. Se l'evento non si verifica si perde tutta la somma investita.
Come giustamente riporta Consob "Le opzioni binarie presentano una struttura (e quindi rischi) simili a quella di una scommessa".

Si tratta quindi di due prodotti rischiosi anche se a mio avviso profondamente diversi. Sconsiglio infatti le opzioni binarie proprio perché di investimento non hanno nulla, sono mere scommesse in cui alla fine il banco vince sempre. Non a caso sono spinte con pubblicità del tutto simile a quelle delle scommesse sportive.
I CFD sono invece prodotti finanziari su cui un investitore esperto può operare, anche come copertura, sapendo però gestire l'effetto leva.


L'avvertimento di Consob (anche se temo che pochi lo vedranno, per questo lo rilancio) è molto utile perché richiama i rischi e le attenzioni che un investitore deve conoscere quando investe. Riporto le conclusioni di Consob che condivido:
  • l'investimento in CFD, rolling spot forex e opzioni binarie, non è adatto alla maggior parte degli investitori (siamo sempre al principio base: non investire in ciò che non conosci/capisci);
  • tale forma di investimento può comportare perdite anche ben superiori al capitale inizialmente investito;
  • occorre procedere ad avviare l'operatività soltanto dopo aver effettivamente compreso e valutato tutti i rischi connessi all'investimento in parola; 
  • è necessario accertarsi sempre che il soggetto offerente sia autorizzato ad operare in Italia, consultando gli appositi elenchi tenuti a cura della Consob (per quanto riguarda le imprese di investimento) e della Banca d'Italia (per quanto riguarda le banche), reperibili sui rispettivi siti istituzionali. A tal fine è opportuno consultare altresì la sezione "Avvisi ai risparmiatori" presente sul sito istituzionale Consob, contenente le segnalazioni, provenienti anche da autorità di vigilanza estere, di attività di tipo finanziario svolte abusivamente.
Il tipico risparmiatore italiano non dovrebbe operare con questi strumenti. Se proprio vuoi imparare, puoi puntare sul Forex (anche tramite Cfd) partendo con un conto demo. Utilizzo un paio di operatori inglesi, in particolare per il pubblico retail consiglio Etx Capital che offre ottime condizioni di spread (ovviamente è autorizzato e soprattutto affidabile).

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



1 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie come sempre per la pronta ed accurata informazione che il tuo blog con poche e semplici parole, mette a disposizione di tutti noi.

Posta un commento