Sconti polizza auto con scatola nera

scatola-nera-assicurazione-autoDa oggi, 21 settembre 2015, dovrebbe approdare nelle aule del Parlamento per la discussione e approvazione finale il cosiddetto disegno di legge sulla Concorrenza. E’ un Dl che include diversi temi tra cui gli sconti sull’assicurazione auto per chi monta una scatola nera.

Questa norma ben rappresenta la lentezza e l’assurdità legislativa in Italia e la conseguente confusione che ne deriva per i consumatori. Già nel febbraio 2012 scrivevo in merito alle scatole nere e agli sconti previsti dal Decreto Liberalizzazioni dell’allora governo Monti. Successivamente il Decreto Destinazione Italia di fine 2013 impose alle Compagnie di Assicurazione l’obbligo di praticare sconti significativi in presenza di una serie di condizioni tra le quali l'installazione della scatola nera.

Sono passati 3 anni e mezzo dal primo intervento e ancora non abbiamo nulla a riguardo. Intanto però i giornali hanno riportato da tempo la notizia come una cosa ormai fatta e certa. Qui la colpa è anche dei media superficiali e approssimativi, che non sottolineano che si tratta di proposte o di leggi che necessitano di tempi e decreti o regolamenti  di attuazione. Rimane il fatto che i tempi di attuazione sono troppo lunghi (chi legge il Sole 24 Ore saprà che ad oggi molte delle leggi varate durante il governo Monti non sono ancora del tutto operative).

La nuova legge sulla scatola nera

La nuova legge in discussione comunque riprende il tema riproponendo l’obbligo di sconti sull’assicurazione auto per chi monta (con spese a carico delle Compagnie) una scatola nera. Inoltre gli automobilisti che non hanno incidenti da un quinquennio, che montano la scatola nera e che vivono nelle aree dove la loro polizza assicurativa è più alta della media, potranno avere uno sconto che allinei il costo alla polizza media delle altre regioni.


viaggiaconme-intesasanpaoloIn attesa della Legge il mercato si è già da tempo adeguato. Attualmente molte Compagnie propongono la scatola nera in comodato d’uso (e quindi gratis per l’assicurato), riconoscendo sconti sulla polizza. A fine 2014 erano già oltre 3 milioni i dispositivi installati.

Questi dispositivi possono rilevare l’incidente e nel caso, emettere un allarme automatico verso la centrale operativa dedicata (attiva 24 ore su 24, 365 giorni l'anno), così da consentire la localizzazione puntuale del veicolo e l'invio tempestivo degli eventuali soccorsi necessari. Oltre a questo servizio di assistenza aggiuntivo, si può abbinare alla scatola nera un antifurto satellitare più evoluto ( BluBox o sosCall Viasat).

La legge quindi arriverà in ritardo.
Un altro esempio arriva sempre dalla stessa proposta di legge sulla Concorrenza. Questa prevede che per le polizze abbinate ai finanziamenti (le cosiddette polizze Cpi, Creditor Protection Insurance) gli intermediari dovranno presentare al cliente il preventivo e informarlo sulla provvigione percepita, garantendo inoltre al cliente il diritto di recedere senza spese dal contratto di polizza assicurativa entro 60 giorni dalla sottoscrizione del contratto.

Peccato che tali obblighi siano già stati previsti da un accordo fra banche, Assofin e Associazione dei consumatori di qualche mese fa, accordo attuato da tutte le maggiori banche italiane. E che tali obblighi, con altri ben più severi, siano stati ripresi da una recente lettera di Banca d’Italia e Ivass. Insomma, una legge già superata prima di essere approvata.

Sul tema polizze Cpi tornerò in un prossimo articolo. Inserendo la tua mail nel modulo qui sotto puoi rimanere aggiornato.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento