Investire ora in obbligazioni e titoli di stato?

calo tassi obbligazioniAbbiamo visto come i tassi di interesse dei conti di deposito siano scesi ulteriormente in questi mesi estivi, e come al momento ci siano poche alternative di investimento per un risparmiatore prudente.

In questo articolo analizzo la situazione del mercato obbligazionario (titoli di stato inclusi), nel prossimo scriverò in merito a quello che ritengo la migliore alternativa, le polizze vita rivalutabili (a patto che i costi siano bassi).


Tassi al minimo storico anche per le obbligazioni

Per un piccolo investitore non è facile muoversi tra i bond europei. I tassi sono ai minimi storici nonostante i debiti pubblici crescano e l'economia non si stia ancora riprendendo dalla dura recessione.

Addirittura investire nei paesi più sicuri (es. Germania) si traduce nel paradosso di  una perdita di soldi. Ma in generale appare pericoloso acquistare ora titoli di Stato a tasso fisso. Per chi è investito il consiglio è di mantenere, per i più dinamici cogliere le occasioni per uscire gradualmente.

I tassi sono insolitamente bassi, ma è difficile immaginare quando ci sarà un inversione di tendenza visto il perdurare della stagnazione economica. I mercati in questo momento evitano di mettersi contro le banche centrali, e la BCE ha annunciato nuovi aiuti che sosterranno indirettamente anche le quotazioni dei titoli obbligazionari.

Alcuni consigliano i Btp (o analoghi titoli spagnoli) a breve scadenza. Ma guardando ai rendimenti, occorre investire almeno a 3 anni per avere un tasso netto positivo e comunque risicato. Per chi vuole investire ancora in titoli di stato rimangono preferibili i BTp legati all'inflazione, sia italiana che europea, che scontano un’inflazione minima nei prossimi anni (inoltre anche nella prospettiva di deflazione, i Btp Italia garantiscono il rendimento minimo).

Alternative ai titoli di stato

Quali sono le alternative ai titoli di Stato? Le soluzioni non sono molte perché tutto il comparto sconta attese di tassi bassi. Per ottenere rendimenti migliori occorre puntare su qualche titolo societario, magari più speculativo (high yield) ma ovviamente più rischioso. Ricordandosi poi che questi titoli pagano una ritenuta fiscale del 26%.

Altra alternativa sono le obbligazioni in valuta diversa dall’euro. In questo caso si possono spuntare tassi di interesse più alti a fronte del rischio cambio.

Sulla piazza ci sono diverse obbligazioni con alta cedola denominate in lire turche o rand sudafricani. Questo tipo di investimento è però adatto solo a investitori propensi al rischio e che possono monitorare frequentemente i loro investimenti. No cassettisti quindi!

Meno rischiosa l’alternativa di puntare su titoli in dollari Usa o sterline britanniche. Vero che l’euro ha già perso molto rispetto a queste due valute ma il trend sembra destinato a continuare visto le migliori prospettive economiche di Stati Uniti e Gran Bretagna, ormai prossimi al rialzo dei tassi di interesse. Anche in questo caso comunque bisogna avere conoscenze medie di mercato e una buona propensione al rischio.

Per chi vuole rimanere su investimenti prudenti legati soprattutto all’euro e ai titoli di Stato, l’alternativa del momento sono le polizze vita rivalutabili. Le stesse banche le stanno spingendo in questo periodo sfruttando i vari vantaggi che offrono. Peccato che quelle che propongono abbiano costi alti che eliminano i vantaggi del prodotto.

Vedremo nei prossimi articoli quali vantaggi hanno questi prodotti e su quali puntare per ridurre le commissioni.

Leggi:
Dove investire in modo sicuro ora
Perché investire in polizze vita

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



3 commenti:

giulio ha detto...

Bravo Luca !

Anonimo ha detto...

Sempre interessantissimi gli articoli del blog. Attendo con curiosità il prossimo sulle polizza vita rivalutabili. Intanto potresti indicare due o tre di queste polizze così provo a leggere le linee base per farmi un' idea.
Grazie mille.
Paolo

Luca di Banca del Risparmio ha detto...

ciao Paolo, ne parlerò nei prossimi articoli. Utilizza la sezione Contatti in alto a destra se vuoi avere subito i dettagli.

Posta un commento