Il premio della tua polizza auto è aumentato o sceso nel 2013? E nel 2014?

Il costo del premio dell’assicurazione Rc Auto è mediamente sceso nel 2013. Non lo dice solo l’Ania, l’associazione di categoria, ma anche i dati delle associazioni dei consumatori.

Per esempio l’inchiesta di Altroconsumo svolta in quattro città (Roma, Milano, Napoli e Palermo) rileva ribassi fino ad un massimo del 10% per alcuni profili rischiosi. Ma non per tutti, per esempio altri profili, particolarmente quelli meno rischiosi, hanno subito un aumento della polizza auto.

aumenti e riduzioni polizza auto

Forse è proprio questa la vera novità del 2013, al di là della prima riduzione del premio auto dopo anni di aumento. Il paradosso per cui gli automobilisti più disciplinati (o meno a rischio) si sono visti aumentare il costo della polizza, e viceversa quelli più a rischio. C’è comunque da dire che quest’ultimi erano stati particolarmente bersagliati negli ultimi anni.

Già a settembre un’analisi di Facile.it aveva rivelato un rincaro dei premi delle polizze auto per gli assicurati con il profilo di rischio migliore, come quelli classificati nella prima classe di merito. Per questa categoria di automobilisti, i premi sono aumentati in maniera consistente, almeno nel Centro-Nord. Scendono invece i prezzi al sud, dove le polizze sono tradizionalmente più care (es. Napoli -10,6% e Palermo -10,4%).

Perché i premi Rc Auto sono scesi?

La riduzione dei premi Rc Auto, dopo molti anni di aumento, viene imputata a varie ragioni, in particolare l’abolizione del tacito rinnovo che ha consentito a più persone di poter disdire la polizza in tempo per cercarne una migliore.

Sicuramente questo ha influito. Ma se si analizzano i dati delle Compagnie si vede come il fenomeno sia facilmente spiegabile in altro modo. I prezzi delle polizze auto sono diminuiti soprattutto perché si sono ridotti i sinistri e quindi il costo dei rimborsi per le Compagnie Assicurative. Infatti,nonostante la riduzione parziale dei premi assicurativi, i profitti derivanti dalle polizze danni auto sono cresciuti . 
A sua volta la riduzione degli incidenti stradali (almeno quelli che vanno in constatazione)  è dovuta soprattutto alla crisi economica che spinge gli italiani ad utilizzare meno l’auto.
Vedremo quest’anno come influiranno le novità legislative relative a scatola nera, digitalizzazione del tagliando e revisione della tabella dei rimborsi delle microlesioni (es. il classico colpo di frusta).  Ma di questo scriverò in un altro articolo.

Ti ricordi quanto paghi di polizza auto? E sapresti dire se nel 2013 hai pagato di più o di meno rispetto all'anno precedente? Nonostante l’assicurazione auto pesi parecchio sul bilancio familiare, pochi ricordano questa risposta, salvo abbiano pagato da poco. Così come molti non ricordano la data di scadenza annuale.

Che il tuo premio sia aumentato o sceso nel 2013, per risparmiare devi anzitutto prendere coscienza di quanto stai pagando ora (verificando poi le singole voci accessorie alla pura RC Auto). E da qui partire per fare veloci confronti online. Prendi la polizza e, da questi siti di comparazione online, in 5 minuti otterrai una ventina di preventivi alternativi (inserendo la targa dell'auto ti eviti anche l'inserimento di una serie di dati).

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



3 commenti:

Anonimo ha detto...

A fronte di fantomatici ribassi dovuti al passaggio di classe, essi non compensano affatto gli aumenti annuali del premio.

Per non parlare poi della fregatura delle scatole nere, che molte società stanno proponendo.
le scatole nere, a mio avviso sono vere e proprie armi a doppio taglio, nelle mani delle assicurazioni per trovare qualsiasi appiglio, pur di non pagare l'assicurato e contestargli qualsiasi cosa accada in un sinistro.
Il mio spassionato suggerimento è : NON INSTALLARLE!!!!

Anonimo ha detto...

Le assicurazioni costano troppo proprio perchè sono obbligatorie e non c'è concorrenza!

Anonimo ha detto...

Il 25 giugno 2013, ho pagato 19 euro di meno dell'anno precedente,ma non ho cambiato l'assicurazione perchè ne ho cambiate 5 negli ultimi 15anni, di cui 3 negli ultimi 9 anni. Ho scoperto, grazie ad un mio amico più esperto che sul web si risparmia molto.RESTA IL FATTO CHE FINCHE' CI SARANNO FURBACCHIONI COME LA SAI-FONDIARIA (SE RICORDO BENE) DI LIGRESTI LE ASSICURAZIONI IN ITALIA SARANNO SEMPRE MOLTO PIU' CARE DI QUELLE ALL'ESTERO IN GENERE,E L'ANTITRUST FUNZIONA POCO, MI PARE.

Posta un commento