Rendimenti obbligazioni Enel 2012 2018

obbligazione-enel-2012Saranno regolate domani, 20 febbraio 2012, le obbligazioni Enel 2012 – 2018. Questo significa che già domani chi le ha acquistate le potrà vedere nel proprio deposito titoli (alcune banche online già lo fanno). Sempre da domani sarà possibile negoziarle sul MOT.
Il collocamento è stato un vero successo. I 3 miliardi di titoli sono stati piazzati in una settimana contro le tre inizialmente previste, inoltre sono stati richiesti circa 5 miliardi di titoli. Si andrà quindi al riparto.

Come funziona il riparto dei bond Enel

La domanda si è concentrata soprattutto sull’emissione a tasso fisso di cui verranno assegnati 2,5 miliardi contro i 500 milioni del variabile. Il tasso di riparto è di circa il 57%.

Il funzionamento prevede che:
  1. tutti i richiedenti (circa 150.000) avranno almeno il lotto minimo di 2.000 euro
  2. la quota restante sarà assegnata in base al riparto quindi al 57% con arrotondamento per difetto
  3. l’avanzo dovuto all’arrotondamento sarà assegnato per estrazione.
Per esempio se si sono richiesti 10.000 euro di titoli si otterranno:
  1. 2.000 di lotto minimo
  2. il 57% di 8.000 quindi 4.560 arrotondato a 4.000
  3. per estrazione si potranno poi ottenere ulteriori quote da 1.000 euro

Tassi di interesse obbligazioni Enel

La forte domanda ha spinto Enel a non concedere ulteriori premi sul rendimento, sono perciò stati mantenuti gli spread minimi di 310 punti base.
Il rendimento finale del bond a tasso fisso è pari al 4,885% lordo mentre il variabile offre un euribor +3,1% con prima cedola al 4,45% lordo.

Paragonando questi titoli ad altri già  presenti sul mercato è probabile che domani quotino sopra la pari (100), in particolare quella a tasso fisso potrebbe tranquillamente quotare a 102 consentendo di portarsi a casa in poco tempo un 2% di utile. Questo salvo eventuali tensioni sul mercato dovute alla situazione greca.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento