Blocco bancomat per furto o clonazione

Blocco-bancomat Il blocco del bancomat è un’operazione da fare senza indugio in caso di:

    • smarrimento del bancomat;
    • furto del bancomat;
    • clonazione del bancomat.

Blocco del bancomat: cosa e come farlo

L’errore più comune nell’operazione del blocco bancomat è quello di delegare ad altri l’operazione. Molte persone si rivolgono alla propria filiale, di persona o per telefono, perdendo così tempo prezioso. A maggior ragione se poi si attende il giorno successivo per effettuare il blocco della carta.
Occorre invece effettuare subito il blocco del bancomat chiamando gli apposito numeri di telefono. In caso di carta multifunzione (sia carta di credito che bancomat) ricordati di bloccare anche la carta di credito.

La telefonata per il blocco

Attenzione i numeri per il blocco del bancomat cambiano se si chiama dall’Italia o dall’estero:
  • dall'Italia: numero verde 800 822056
  • dall'estero: ci sono numeri non a pagamento che variano in base allo Stato. Inoltre la banca mette a disposizione un numero (a pagamento) in caso non si sia in uno di questi Stati o non si conoscano tali numeri.
Il numero verde italiano è quello dell’Ufficio Blocchi della S.I.A., il servizio è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.
Dovrai rilasciare alcuni dati per cui preparali:
  • nome e cognome,
  • data di nascita,
  • numero scritto sulla carta (in caso di clonazione avrai comunque il bancomat con te, può essere utile avere annotato da qualche parte il numero della carta, non il codice di sicurezza ovviamente) o del numero del tuo conto corrente,
  • nome della banca e numero della tua agenzia
Prendi nota della data e dell’ora della telefonata oltre al nome della persona del servizio blocchi di SIA e del codice blocco.

Cosa fare dopo

Una volta bloccata la carta bancomat, devi al più presto sporgere denuncia di furto, smarrimento o clonazione del bancomat alle autorità di pubblica sicurezza (in Italia alla Polizia o ai Carabinieri). Fatti rilasciare una copia della denuncia.

Entro 48 ore devi consegnare una copia della denuncia alla tua banca. Nonostante sia possibile farlo  con raccomandata con ricevuta di ritorno, ti consiglio di farlo di persona. In filiale dovrai compilare probabilmente un apposito modulo di smarrimento-furto-clonazione del bancomat. Dovrai inoltre rilasciare una copia della denuncia fatta oltre che riportare il codice blocco del bancomat. Ovviamente fatti rilasciare una ricevuta attestante la tua comunicazione alla banca del blocco del bancomat.

Per precauzione spedisci, via raccomandata con ricevuta di ritorno, una comunicazione di conferma del blocco del bancomat alla società gestrice del circuito – SIA oppure alla società emittente la carta. In filiale potrai ottenere informazioni a tal proposito. Anche in questo caso riporta ora e data del blocco bancomat, il codice blocco e allega copia della denuncia.

Riottenere i soldi

Il blocco del bancomat avviene già nel momento della telefonata. Ad essere precisi avviene con un po’ di ritardo a causa dei tempi tecnici per comunicare il blocco a tutta la rete interbancaria.
Per valutare quali saranno le conseguenze sui tuoi soldi, occorre distinguere il caso di furto/smarrimento del bancomat con quello della clonazione del bancomat.

Blocco del bancomat in caso di furto o smarrimento

Tutti i prelievi e gli addebiti effettuati prima del blocco restano a tuo carico. Si presume infatti che ci sia stata poca diligenza da parte tua nella conservazione del codice PIN in quanto non basta avere il bancomat per effettuare operazioni. Dopo il blocco può esser prevista una franchigia di ulteriori 150 euro, anche se molte banche ormai non la prevedono più.

Blocco del bancomat in caso di clonazione

In questo caso la tua responsabilità è limitata in quanto il problema è dovuto alla poca sicurezza dei mezzi di utilizzo del bancomat: gli ATM per i prelievi o i POS per i pagamenti nei negozi.

E’ facile però che tu ti accorga della clonazione del bancomat solo alla lettura dell’estratto del conto corrente. In questo caso devi effettuare reclamo scritto alla società emittente (in genere la banca) con allegata denuncia fatta alla Polizia o ai Carabinieri entro 60 giorni dal ricevimento dell’estratto conto. Rivolgiti comunque anche alla tua filiale comprovando il tuo possesso del bancomat.

Effettuati i controlli del caso in genere gli importi indebitamente utilizzati dal bancomat vengono riaccreditati salvo che la banca non ti ritenga responsabile in qualche modo dell’uso fraudolento. In questo caso non potrai far altro che fare ufficialmente reclamo alla tua banca per poi adire all’Arbitro Bancario e Finanziario.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



1 commenti:

Anonimo ha detto...

si ok mettete tutti il numero verde dall'italia ma se uno e' all'estero deve diventare metto prima di trovare il numero ????

Posta un commento