Emissioni obbligazioni corporate nel 2009

Obbligazioni-2009 In pochi giorni sono usciti sul mercato importanti emissioni di obbligazioni da parte di aziende italiane. Dapprima ENI con 1,5 miliardi di euro a 10 anni, poi FIAT con 1,25 miliardi. Infine ENEL che in solo 3 giorni ha raccolto addirittura 5 miliardi di euro. In precedenza erano ricorse al mercato obbligazionario anche Finmeccanica, Telecom Italia, Atlantia, Terna e Edison.

A parte l’emissione ENI di giugno, andata letteralmente a ruba, tutti questi
collocamenti erano destinati agli investitori istituzionali; erano quindi esclusi i singoli risparmiatori facenti parte del cosiddetto mercato retail.
Anche le prossime due società che hanno già annunciato il loro collocamento di obbligazioni corporate, A2A e Campari, si rivolgeranno agli istituzionali (banche, assicurazioni, fondi, hedge fund etc).
Ma nei prossimi mesi dovrebbero essere lanciate anche le emissioni di obbligazioni aperte al pubblico retail di Telecom (1 miliardo) e Generali (750 milioni). Potrebbe essere una buona occasione per investire i propri soldi.

Perché tutte queste emissioni di obbligazioni nel 2009?

La risposta va letta sia dal punto di vista della domanda che dell'offerta di obbligazioni:.
  • la domanda è alimentata dalla molta liquidità frutto delle immissioni di moneta da parte della banca centrale ma anche delle dismissioni da parte di molti investitori dei titoli azionari in perdita;
  • l’offerta è attirata dai bassi tassi di interesse applicati ora rispetto a quelli di solo qualche mese fa. Questo permette alle aziende di rifinanziare a tassi inferiori il proprio debito.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento