Aumento di capitale Enel: cosa fare?

Aumento Enel In questi giorni in Borsa sta tenendo banco l’aumento di capitale di Enel, e non potrebbe non essere così visto che si tratta di un’operazione da 8 miliardi di euro.


In che cosa consiste l'operazione
L’aumento di capitale prevede per gli azionisti Enel (quelli che detenevano azioni Enel già il giorno precedente l'avvio dell'aumento di capitale partito il 1 giugno) la possibilità di sottoscrivere 13 nuove opzioni ogni 25 possedute ad un prezzo di 2,48 euro per azione.
Dal 1 giugno, giorno di partenza dell’offerta, il titolo Enel è stato diviso in due componenti. Dalle vecchie azioni infatti è stato scisso il prezzo del diritto d’opzione, diritto che è negoziato in Borsa separatamente.


Perché l’aumento di capitale?
Non ci sono motivi di difficoltà economica anzi la società, nonostante la crisi, ha ben tenuto. Enel ha segnato un utile in crescita del 35,2% nel 2008; e nel primo trimestre 2009 ha ridotto i suoi ricavi di solo l'1,5% a fronte di una riduzione dei costi del 4,9%.
Enel però si è indebitata parecchio per l’acquisto della quota di Acciona in Endesa (società energetica spagnola) e a fronte di questo indebitamento ha ricevuto degli outlook negativi (una sorta di avviso di retrocessione) da parte delle principali società di rating. Per evitare il peggioramento del rating era necessario ridurre l’indebitamento. L’'aumento di capitale è quindi destinato a questo scopo.


Che cosa devi fare per partecipare
Se sei azionista Enel hai due possibili soluzioni:
  • partecipare all’aumento di capitale esercitando i diritti d’opzione;
  • non partecipare vendendo i diritti d’opzione.
Nel primo caso dovrai recarti dall’intermediario presso cui hai in deposito le azioni (se è una banca online potrai aderire secondo le procedure predisposte dalla tua banca, normalmente via fax) per fare richiesta e firmare il modulo di adesione. Tale operazione può essere fatta dal 1 giugno 2009 fino al 19 giugno 2009 incluso. Tieni conto di quanti soldi dovrai investire nell’operazione. Puoi comunque partecipare solo in parte, vendendo una parte dei diritti d’opzione.
Nel secondo caso potrai vendere i diritti di opzione come un qualsiasi titolo. Attento però che questa operazione deve essere fatta tra il 1 giugno 2009 e il 12 giugno compresi.
Qualora tu non faccia nulla, alla scadenza del primo termine la banca procederà d’ufficio alla vendita dei diritti d’opzione. Siccome tale operazione è facoltà (e non obbligo) della banca, è sempre meglio se agisci in prima persona.

Che cosa ti consiglio
Francamente la scelta può essere solo tua (e darti un consiglio equivarrebbe a una consulenza finanziaria proibita dalla legge).
Ti posso però dire ciò che ho fatto io e perché. Personalmente ho aderito senza indugio all’offerta. Per due motivi:
  1. Ritengo il titolo Enel un buon titolo su cui investire;
  2. Ho a disposizione senza particolari problemi la liquidità per partecipare all’aumento.
Se anche per te valgono i due punti precedenti, non posso che consigliarti l’adesione. In mancanza di soldi o di fiducia sul titolo non sarebbe invece opportuno investire.
Se hai dubbi sull’aumento di capitale Enel, fammi pure una domanda…lascia un commento.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



13 commenti:

lorenzocrocco ha detto...

grazie dell'articolo mi ha finalmente chiarito le idee.

mi resta solo un paio di dubbi che ti sottopongo.

1. supponendo che io venda i miei diritti di opzione (allo stato siamo intorno a 40 eurocent a diritto), cosa succede delle mie "vecchie" azioni?

2. se invece esercito il diritto di opzione alla fine avro' aumentato il mio numero di azioni enel? (passando dalle N che avevo a N + N*13/25), giusto?

grazie mille!

BdR ha detto...

ciao Lorenzo, sono contento di averti chiarito le idee visto che è questo lo scopo del blog.

1. se vendi i diritti non succede nulla alle vecchie azioni. Il 25 giugno percepirai i dividendi normalmente.

2. si aumenterai il numero di azioni, ma tendenzialmente la tua quota di azioni sarà uguale (salvo che qualcuno faccia scadere i diritti d'opzione). Le nuove azioni saranno equiparate (anche come codice Isin) alle vecchie dal 25 dopo lo stacco del dividendo. Le nuove quindi non percepiscono il dividendo 2009.

Anonimo ha detto...

Buon giorno, mi chiamo Mauro e volevo sapere cortesemente se quando usciranno i dettagli per l'aumento unicredit lei sarà così gentile da spiegarci in modo molto semplice come si dovrà fare questo aumento (tanti diritti, tante azioni !! )....Sia che uno abbia già in pfolio le azioni e sia chi non le ha... Grazie

BdR ha detto...

ciao Mauro, benvenuto sul blog e grazie a te per il commento.

il blog è anche un luogo dove far domande. Sono sempre disponibile a trattare temi su richiesta, per cui sicuramente farò un articolo anche sull'aumento di capitale di Unicredit.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, mi chiamo Celeste e sono curioso anch'io di sapere come sarà questo ( speriamo ) grande adc unic. L'ultimo a cui ho partecipato è proprio quello di enel e mi sembra che chi vi ha partecipato non si possa proprio lamentare !!!! Un saluto.....

Anonimo ha detto...

Ciao, adc italease come funziona per chi volesse partecipare all'aumento ma non detiene ancora azioni della banca ?

BdR ha detto...

Per partecipare all'aumento senza essere azionista basta acquistare i diritti d'opzione sul mercato.

Anonimo ha detto...

ciao io volevo esporti se era possibile un mio problema. io ho delle azioni unicredit al prezzo 2.57 se io nn partecipo a l'aumento del capitale mi potresti dire osa succedera' al mio investimento ti ringrazio tantisimo ciao da MARIO

BdR ha detto...

ciao Mario. Sull'aumento di capitale di Unicredit scriverò un articolo a breve, appena sarannno definiti gli ultimi elementi.

Comunque posso già rispondere alla tua domanda. Dall'11 gennaio vedrai in portafoglio le azioni UC e i diritti di opzione. Se non desideri partecipare all'aumento, devi vendere i diritti di opzione (dall'11 al 22 gennaio). Se non li vendi i diritti non esercitati saranno venduti comunque, ma ti consiglio di farlo tu direttamente. Ovviamente dopo l'aumento la singola azione UC varrà meno di adesso, ma la differenza dovrebbe essere compensata dalla vendita dell'opzione (fatte salve le normali oscillazioni di Borsa)

Anonimo ha detto...

grazie per avermi risposto aspettero comunque il tuo articolo per avere qualche chiarimento in piu
ti chiedo solo un piccolo piacere nell'articolo che scriverai ti prego di non essere molto tecnico altrimenti almeno io che non ci capisco molto vado nel pallone ti ringrazio ifinitamente .MARIO

Anonimo ha detto...

ciao sono mario volevo sapere se era possibile.
se io adesso compro delle opioni unicredit e partecipo a l'aumento di capitale avro le corrispondenti azioni a 1,589 ma quando riaprira il titoo ammetiamo a 2.30 io avro fatto un guadagno di 0,70 centesimi x azione? e cosi che funziona o e un film troppo bello ma mai visto hahaha scusami ti prego di rispondermi grazie ciao

BdR ha detto...

ciao,

ti rispondo nell'articolo dedicato all'aumento unicredit

trading su iphone ha detto...

Grazie per questo post molto interessante ed informativo. Ciò va a permettermi di prendere una decisione pertinente in quanto ad investire in Opzioni Borsiste e provare a realizzare dei plusvalori.

Posta un commento