Trading arancio

trading arancio Dopo i conti di deposito, i mutui, i fondi comuni d'investimento e i conti correnti, ING Direct lancia un nuovo prodotto. E’ infatti partita il 20 aprile una piattaforma per il trading on line nel rispetto della filosofia della "zucca": convenienza e semplicità.



Convenienza

Non si pagano i diritti di custodia ed amministrazione del dossier titoli ma solo i costi per la compravendita, comunque competitivi rispetto alla concorrenza. Il costo della singola operazione cala con il numero delle operazioni: più se ne fanno, meno si paga.


Operazioni annue da 1 a 15 da 16 a 50 da 50 a 100 oltre 100
Costo operazioni 0,19%
min 8€ max 18€
8€ 7€ 6€

E’ possibile operare solo con i prodotti della Borsa Italiana e quelli più conosciuti e diffusi: azioni, obbligazioni, titoli di Stato, Etf, Etc. No quindi alle azioni estere e ai derivati. A supporto dell’operatività ci sono le news di Radiocor e gli strumenti di analisi e gestione del portafoglio del Sole 24 Ore.

Trading arancio punta anzitutto al milione e passa di clienti già correntisti. L’offerta si rivolge ad un investitore prudente e cassettista e non si confronta con le piattaforme dedicate agli heavy traders. Per sottoscrivere il prodotto occorre essere correntista ING.

Con l’entrata di ING si amplia la scelta nel trading online. Il settore vive un momento di appannamento per via della crisi delle Borse. In particolare sono in diminuzione i traders meno attivi mentre resistono le piattaforme dedicate agli heavy traders, quelli che hanno saputo approfittare anche della discesa dei mercati. E’ proprio alla fetta di mercato in rallentamento che si rivolge ING.

Visto l’offerta complessiva di Ingdirect, la proposta si confronta soprattutto con Fineco,
anche se lato trading quest'ultima offre qualcosa di più per i traders.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



0 commenti:

Posta un commento